Hard Disk

Come ottimizzare SSD (Solid State Drive) su Windows

Come ottimizzare SSD (Solid State Drive) su Windows
Share Button

L’SSD o Unità di Memoria a Stato Solido è un’alternativa al più classico HDD (hard disk) che sta prendendo sempre più piede nel mondo dell’informatica.Benché l’HDD sia infatti presente regolarmente nella maggioranza dei PC, sia fissi che portatili, l’unità di Memoria a Stato Solido (SSD) offre numerosi vantaggi che possono fare comodo tanto agli informatici più navigati quanto agli utenti più in erba. Segui Come ottimizzare SSD su windows.

Uno degli argomenti più scottanti riguarda la durata dell’ SSD e come ottimizzarlo. Scopriamo quindi quali sono i vantaggi dell’installazione dell’SSD, come utilizzare al meglio questa tecnologia e come allungare la vita del tuo disco interno.

ottimizzare SSD

SSD Vs HDD

In primis, per i meno esperti del mondo dell’informatica, chiariamo che entrambi i dischi in questione sono dispositivi di memoria sui quali vengono scritti e letti i dati presenti nel computer. Sia i programmi che utilizzi sia i tuoi dati personali sono contenuti in queste unità di memoria.

HDD : come i vecchi giradischi

Passiamo ora alle differenze. L’HDD rappresenta la tipologia di disco più diffusa di default nei diversi computer.Si compone di un disco con rivestimento magnetico e di una testina che legge e scrive dati su quest’ultimo sotto forma di tracce magnetiche. La testina si muove a velocità altissima, impercettibile ad occhio nudo, garantendo una buona velocità d’esecuzione. Tuttavia, benché velocissimi, i movimenti della testina risultano ben più lenti rispetto alla tecnologia dell’SSD.

SSD – Una nuova tecnologia

La nuova tecnologia presente nell’SSD garantisce una velocità maggiore rispetto al tradizionale HDD in quanto  non ci sono parti meccaniche in movimento e l’immagazzinamento dei dati avviene in modo simile a quanto accade con le penne flash usb, quinti tramite scariche magnetiche e non impressioni della testina come nel caso dell’HDD.

Come ottimizzare SSD su windows

 

Come ottimizzare SSD su windows

ottimizzare SSD

Vantaggi dell’SSD

Possiamo riassumere i vantaggi di un buon SSD in cinque parole chiave:

  • velocità
  • resistenza
  • consumi
  • frammentazione 
  • rumorosità

 

L’SSD è infatti molto più veloce dell’HDD (fino a 200 volte più rapido), permettendo al computer di operare tutte le proprie azioni in modo molto più veloce. Dall’avvio all’apertura o trasferimento dei file, tutto avverrà in maniera più rapida. Come ottimizzare SSD su windows.

I dischi SSD sono, inoltre, molto più resistenti agli urti, cosa che ti impedirà di perdere i dati a causa di un urto accidentale (e credici, recuperare i dati di un HDD devastato è un’impresa davvero ardua). 

Il consumo di energia di un SSD è poi ridotto rispetto agli HDD. Stiamo parlando di meno di 2 Watt per gli SSD e di circa 6 Watt per gli HDD. Passare ad un SSD farà felice anche la tua batteria!

Collegata alla questione velocità è anche la frammentazione. Ogni disco HHD è frammentato in quanto i file di grandi dimensioni sono divisi e posizionati nelle diverse parti del disco forzando la testina a viaggiare in lungo e largo sul disco. Ciò non accade negli SSD.

Un altro elemento importante è la silenziosità degli SSD! Non essendoci parti mobili, il seppur minimo rumore della testina che si muove sul disco dell’HDD verrà meno. Certo, se hai problemi con il rumore della ventola però,  questo è un vantaggio relativo! 

Svantaggi dell’SSD

Gli svantaggi di un SSD, però, ci sono. Rendono sicuramente il PC più performante e mettono al sicuro i tuoi dati dagli urti, ma sono anche più costosi e solitamente meno capienti. Inoltre ti saranno utili alcune accortenze per velocizzare ulteriormente l’SSD (qui la nostra guida se usi dispositivi Samsung) e per allungare la vita del tuo Solid State Disk.

Come ottimizzare SSd

Over Provisioning

Come qualsiasi parte del PC, anche gli SSD per quanto performanti sono soggetti ad usura. Ciò vuol dire che le celle di cui è composto il disco possono perdere carica, sul lungo periodo, e causare una perdita di dati. Per evitare questa situazione ti consigliamo una tecnica chiamata Over Provisioning. 

Con questa tecnica fornirai al PC la possibilità di rimpiazzare le celle scariche del tuo SSD con “celle di riserva”. Se ti stai chiedendo “da dove vengono queste celle?” la risposta è semplice: dallo spazio non utilizzato del tuo SSD.

La prima cosa da fare è infatti assicurarti di lasciare circa il 7% dello spazio del tuo SSD come non allocato (in poche parole, non utilizzato). In questo modo creerai delle “celle di riserva” che potranno durarti per circa 10 anni! Ovviamente lo spazio da lasciare non allocato varia in base all’utilizzo che fai del tuo PC. Se utilizzi costantemente grandi quantità di dati ti consigliamo di lasciare uno spazio non allocato di circa il 25%.

Over Provisioning: come non allocare lo spazio dell’SSD

Per lasciare dello spazio libero ti basterà cliccare in basso a sinistra sul menu Start e recarti sulla sezione gestione disco. Qui potrai notare il disco C: sul quale fare clic destro e selezionare la voce Riduci Volume. A questo punto con un rapido calcolo (qui il sito per farlo in automatico) potrai sottrarre allo spazio totale il 7% del disco di cui sopra, semplicemente inserendo il valore risultante (in MegaByte) nella finestra che sarà comparsa.

Una volta fatto ciò ti basterà cliccare su Riduci e poi aspettare qualche minuto. Avrai così ottimizzato la durata del tuo Solid State Drive!

Come ottimizzare SSD su windows

Durata SSD: come ottimizzare il Solid State Drive 

 

Insomma, l’SSD è sicuramente un’ottima soluzione per avere un PC più performante e, con i giusti accorgimenti, il prezzo maggiorato di questa nuova tecnologia sarà sicuramente giustificato da una durata maggiore e da prestazioni decisamente migliori!

Se vuoi cambiare il tuo vecchi HDD ed installare un nuovo SSD puoi contattarci alla nostra sezione Contatti e vivere al meglio la tua esperienza al PC ricevendo la migliore assistenza a domicilio in men che non si dica! Non dimenticare inoltre di condividere l’articolo con i tuoi amici appassionati di tecnologia!

In ultimo, se l’articolo ti è stato utile, rimani sintonizzato con noi per i prossimi aggiornamenti sul mondo degli Hard Disk, dei Solid Drive e di tutto ciò che potrà aiutarti a vivere al meglio la tua esperienza di internauta!

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *